Politica Salute Ultime Notizie

Bolzano. Lorenzin indignata troppi scolari non vaccinati, Stocker i genitori sono informati

24 Ottobre 2017

author:

Bolzano. Lorenzin indignata troppi scolari non vaccinati, Stocker i genitori sono informati

Rispettare la legge, interverremo su Bolzano, avverte il ministro.

Quando avremo tutti i dati interverremo per far applicare la normativa sull’obbligo delle vaccinazioni per l’iscrizione a scuola, perché ciò che sta facendo la Provincia autonoma di Bolzano non si può fare e la legge vale anche per Trento e Bolzano“.

Lo ha affermato il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, in merito alla situazione registratasi a Bolzano dove centinaia di bambini sono stati ammessi a nidi e scuole materne pur non avendo effettuato le vaccinazioni obbligatorie come previsto dalla legge.Tra autocertificazioni e prenotazioni di somministrazioni future, sono centinaia i bambini ammessi a nidi e scuole per l’infanzia. “Aspettiamo di avere tutti i dati e poi cercheremo di intervenire, – ha aggiunto la Lorenzin – in ogni caso incontrerò il Presidente della Provincia autonoma nei prossimi giorni e quindi discuteremo anche di questo”.
In Alto Adige esiste da sempre un fronte “no-vax” che fa collocare la provincia di Bolzano sotto la media nazionale nella copertura vaccinale.
Nella discussione in seguito all’ultimo decreto, si era alzato un coro contro l’obbligatorietà delle aumentate somministrazioni e le conseguenti multe alle famiglie in caso di mancato adempimento. In Consiglio provinciale era stata approvata, praticamente all’unanimità, una mozione che chiedeva lo stralcio delle misure coercitive previste dal decreto e una campagna di sensibilizzazione ampia ed equilibrata.
In linea con l’orientamento culturale a nord del Brennero, arriva la reazione dall’assessora provinciale alla sanità Martha Stocker: “Ritengo adeguati gli interventi fatti dalla Provincia di Bolzano per applicare al meglio le normative sulle vaccinazioni obbligatorie. I genitori sono stati informati in modo tempestivo e completo sullo stato di vaccinazioni dei loro figli, anche con colloqui individuali”.
Duro anche il commento di Andreas Pöder, della BürgerUnion, promotore della mozione in Consiglio provinciale. “Accettiamo la sfida di Lorenzin – afferma il consigliere provinciale – e perciò stiamo raccogliendo le firme per un disegno di legge definitivo che sancisca la non obbligatorietà delle vaccinazioni in Sudtirolo, terra dove, lo ricordo, vige l’autonomia”.

Foto, Martha Stocker, assessore provinciale

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com