Cronaca Ultime Notizie

Bolzano, aumentano le telecamere per garantire la sicurezza

29 Ottobre 2017

author:

Bolzano, aumentano le telecamere per garantire la sicurezza

Sabato, 28 ottobre ha avuto luogo presso la sala di rappresentanza del Comune del capoluogo altoatesino un convegno dal titolo: “Sicurezza reale e sicurezza percepita. L’importante ruolo del decreto sulla sicurezza urbana.” Al convegno sono intervenuti oltre il sindaco di Bolzano diversi illustri esponenti delle forze dell’ordine per raffrontare la reale situazione con quanto percepito dalla cittadinanza. Il sindaco Renzo Caramaschi ha annunciato l’imminente aumento delle telecamere di sorveglianza in città. Tra quelle già installate e quelle che saranno installate a breve arriveremo a 102. Come sottolineato da Caramaschi, l’amministrazione comunale non si limiterà ad aumentare le telecamere di sicurezza. Anche i centri di accoglienza, nonché il centro d’Emergenza freddo, che sarà aperto fra non molto, saranno controllati maggiormente. Inoltre, saranno aumentati i controlli degli esercizi pubblici per quanto concerne gli orari di chiusura, nonché la vendita di alcolici, proibita ai minori. Secondo il sindaco di Bolzano i bolzanini oltre i 65 anni (un terzo) reagirebbero in modo diverso di fronte a fatti delinquenziali rispetto alle generazioni più giovani. Una parte della cittadinanza della città avrebbe pertanto la sensazione di non potersi muovere in libertà. Senza mezzi termini il sindaco punta il dito sulla mancanza della certezza della pena, mostrandosi critico anche in merito al daspo urbano, introdotto dal decreto sicurezza voluto dal ministro degli interni Minniti. Sembra che anche in altre città le misure previste dal decreto trovino effetti pratici. Il commissario del Governo, Vito Cusumano ha voluto rimarcare il calo dei reati. Come rilevato dal Commissario nei primi mesi del 2017 i reati a Bolzano sarebbero sono calati del 20% rispetto allo stesso periodo del 2016. Tuttavia resta vivo un divario tra sicurezza reale e sicurezza percepita, fenomeno riconducibile al fatto che ci sono reati più allarmanti di altri. Chiarissimi sia il sindaco che il Commissario del Governo nel richiamare la cittadinanza a non associare il tema della sicurezza con quello dell’immigrazione. Il questore di Bolzano, Giuseppe Racca con tono deciso ha invitato i cittadini a segnalare sempre le situazioni di sospetto e di potenziale pericolo. Appello sostenuto anche dal comandante del reparto dei Carabinieri, Enrico Pigozzo. Il capo dei vigili urbani, Sergio Ronchetti illustrato l’inefficacia delle sanzioni per accattonaggio, sottolineando che si continuerà comunque nell’attività. Interessanti anche gli interventi dell’avvocato Federico Fava, del professor Sergio Bonini dell’Università di Trento e dell’ex questore di Bolzano, Dario Rotondi, oggi assessore alla sicurezza del Comune di Vicenza. Anche Rotondi ha bocciato il decreto Minniti ponendo l’attenzione sul fatto che in Italia mancano posti nelle carceri.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com