Cultura & Società Ultime Notizie

Al via la vendemmia a Terlano, “Segnali favorevoli di una buona annata”

24 Agosto 2017

author:

Al via la vendemmia a Terlano, “Segnali favorevoli di una buona annata”

Per i produttori vinicoli dell’Alto Adige inizia la fase calda: la raccolta delle uve. L’inizio spetta come ogni anno a Cantina Terlano che oggi, con un anticipo che va dai 10 ai 14 giorni rispetto alla media degli anni passati, darà il via alla vendemmia delle uve Sauvignon. Secondo l’enologo Rudi Kofler, ci sono tutti i presupposti per una buona annata.

Numerose notti tropicali, periodi di gran caldo e molte precipitazioni: questo il bilancio dell’estate 2017 finora. La qualità delle uve è buona: “Le prime analisi sulle uve bianche hanno mostrato che il rapporto tra zuccheri e acidi è equilibrato nonostante le temperature eccezionali. E’ un prerequisito importante per ottenere vini bianchi con un grande potenziale di sviluppo”, dichiara Kofler. Anche il meteo degli ultimi giorni risulta estremamente benefico: “I momenti appena prima e durante la vendemmia sono cruciali. Temperature giornaliere vicine ai 30 gradi e notturne sotto i 20 gradi sono ideali”. In seguito alla vendemmia delle uve Sauvignon, dalla prossima settimana a Terlano inizierà la raccolta della varietà Pinot bianco.

C’è da attendere un mese prima del passaggio alle uve rosse. “Al momento, la situazione è promettente. Per dare un giudizio definitivo, dobbiamo aspettare le prossime settimane. Con l’aiuto del tempo atmosferico, si prospetta un’ottima annata per i vini rossi”, prosegue Kofler.

Kofler parla di una resa nella media per l’anno corrente. “Per noi la quantità non è un fattore determinante. Lo sguardo si rivolge maggiormente agli aspetti qualitativi: la produzione eccessiva non fa parte della nostra filosofia”, conclude l’enologo della cantina più premiata dell’Alto Adige.

Cantina Terlano produce ogni anno circa 1,4 milioni di bottiglie, di cui il 70% di bianchi, ed è conosciuta in tutto il mondo per la mineralità e longevità dei suoi vini.

In foto: Rudi Kofler

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *