Profughi Ultime Notizie

Migranti. A Tallinn raggiunta l’intesa sulla Libia e le Ong. L’UE contraria all’apertura dei porti

6 Luglio 2017

Autore:

Migranti. A Tallinn raggiunta l’intesa sulla Libia e le Ong. L’UE contraria all’apertura dei porti

Nella capitale dell’Estonia, dove ha avuto luogo il vertice informale tra i ministri dell’Interno dell’UE, è stato raggiunto l’accordo circa l’aumento di risorse per Tripoli, i rimpatri e la revisione delle operazioni di soccorso in mare. I rappresentanti degli Stati Europei non si sono mostrati per nulla disponibili a farsi carico di una parte degli sbarchi.

Secondo una nota informativa pubblicata dalla presidenza di turno del Consiglio UE, i ministri dell’Interno dei vari Stati dell’Unione avrebbero raggiunto un accordo sulla necessità di accelerare il lavoro collettivo nell’attuazione delle seguenti azioni prioritarie per ridurre la pressione migratoria sulla rotta del Mediterraneo centrale e rafforzare il sostegno all’Italia: aumentare l’impegno per la Libia e altri Paesi terzi chiave; rivedere e coordinare meglio le operazioni di search and rescue (cioè il codice di condotta per le ong); e i rimpatri. Le prime misure operative per alleggerire la pressione dei migranti sull’Italia dovrebbero essere adottate nel giro di pochi giorni.

L’Italia non ha ricevuto alcuna apertura da parte degli altri Paesi dell’Unione sulla questione della ripartizione degli arrivi sui porti di altri paesi mediterranei. Secondo fonti stampa, in particolare, il ministro tedesco avrebbe detto di non sostenere l’idea di regionalizzare le operazioni di salvataggio. Posizioni simili, contrarie all’apertura dei propri porti, sarebbero state espresse da Spagna, Belgio e Olanda.

Come dichiarato dal ministro Minniti, sulla questione dei flussi migratori in Libia ci sarebbe stato un ampio consenso, con la sottolineata necessità di ampliare i finanziamenti andando oltre i fondi già predisposti dalla Commissione europea e prevedendo finanziamenti dei singoli Stati membri.

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *