Cultura & Società Musica Ultime Notizie

Meranojazz, si inizia il 10 luglio con il Bill Frisell Trio

6 Luglio 2017

Meranojazz, si inizia il 10 luglio con il Bill Frisell Trio

La 21esima edizione del festival Meranojazz andrà in scena il 10, il 12 e il 13 luglio al teatro Puccini (inizio dei concerti alle ore 21). Ospiti della tradizionale rassegna musicale estiva saranno il Bill Frisell Trio, i Kind of Bill e Antonio Sanchez & Migration.

“Il programma di Merano Jazz 2017 – spiega il direttore artistico della rassegna Vincenzo Costa – nell’arco di tre serate, presenta artisti che agiscono in atmosfere musicali’ diverse tra loro e tuttavia espressioni di un linguaggio artistico e culturale comune la cui essenza è contenuta nella potente metafora di Ellington. Infatti il sorprendente trio di Bill Frisell assieme al gruppo Moroni-Gomez-LaBarbera impegnato in un suggestivo tributo a Bill Evans e l’interessante quintetto di Antonio Sanchez, sono portatori di gusti e scelte artistiche che si trovano in aree semantiche distanti tra loro, ma che escono sicuramente da quel grande ‘cavedio’ musicale che è la musica jazz”.

Si inizierà dunque lunedì 10 luglio con il BILL FRISELL TRIO. Molta acqua è passata sotto i ponti, da quando il chitarrista di Baltimora si impose all’attenzione della scena internazionale negli anni Ottanta, dopo aver registrato nel 1981 due dischi per l’etichetta Ecm, rispettivamente con Jan Garbarek e con Paul Motian. Soprattutto con il trio di Motian, che dall’84 agli anni Novanta Bill Frisell si propose frequentemente in tutti i maggiori festival internazionali, il chitarrista nato a Baltimora nel 1951 mise in luce uno stile originale alla chitarra elettrica, fatto di ricerca dei contrasti timbrici, delle sfumature dinamiche, impostato su una concezione orchestrale dello strumento. La sua vorace curiosità ha portato Frisell a scandagliare successivamente vari campi stilistici del jazz e della musica contemporanea ad ampio raggio: toccando il rock di Jimi Hendrix e il jazz raffinato di Jim Hall, la musica country, i brani di Bob Dylan e le composizioni di Charles Ives. Registrando e collaborando con uno stuolo di musicisti, da John Zorn a Elvis Costello e Burt Bacharach. Fino al recente confronto con la musica di John Lennon, sfociato nel CD “All We Are Saying…”, in cui ha coinvolto il bassista Tony Scherr e il batterista Kenny Wollesen, da molto tempo suoi collaboratori privilegiati. Dunque il trio che si presenta a Merano è un organismo ben collaudato, in grado di muoversi in sintonia nei percorsi tracciati dal chitarrista, sempre più trasversali e improntati a un’essenzialità folgorante.

Il secondo appuntamento, in calendario mercoledì 12 luglio, porterà invece alla ribalta di Meranojazz il contrabbassista Eddie Gomez, il pianista Dado Moroni e il batterista Joe La Barbera che dichiarano già nel titolo del programma – KIND OF BILL – le proprie intenzioni: percorrere quella grande tradizione del trio con pianoforte che ebbe in Bill Evans un autentico alfiere, un precursore tutt’ora imitato e preso come fonte di ispirazione sia sotto il punto di vista stilistico che per quanto riguarda l’impostazione originale di un fitto dialogo tra gli strumenti su un livello paritario. “Kind of Bill” gioca tra l’altro con il titolo più celebre della discografia di Miles Davis, quel “Kind of Blue” di cui lo stesso Evans fu protagonista e per molti versi direttore musicale. A questo intento programmatico, va aggiunto il fatto che Eddie Gomez, prodigioso interprete del contrabbasso contemporaneo, entrò nel trio di Evans nel 1966 e vi rimase per più di dieci anni, sostituendo degnamente Scott LaFaro, il compianto maestro scomparso nel 1961 in un incidente automobilistico, a soli venticinque anni. Anche Joe La Barbera fu componente del trio di Evans negli anni successivi: la sua collaborazione è documentata da un album molto significativo come “The Paris Concert”, del 1979. Dado Moroni, pianista genovese apprezzato a livello internazionale, le cui radici stilistiche spaziano in tutta la storia del jazz, ha le carte migliori per affrontare un’operazione come questa in modo personale, attraverso un’adesione libera e sfaccettata al modello impareggiabile di Bill Evans.

Il terzo e ultimo concerto è fissato al Teatro “Puccini” giovedì 13 luglio con ANTONIO SANCHEZ & MIGRATION. Batterista versatile e molto apprezzato sulla scena contemporanea, Antonio Sanchez vanta tra le proprie numerose collaborazioni quelle con musicisti di assoluto rilievo, come Chick Corea, Pat Metheny, Gary Burton. Le sue doti di solidità, musicalità e plasticità sono confermate anche nei cinque lavori pubblicati dal 2007 in poi in qualità di leader. Con Metheny, il batterista di origine messicana ha registrato ben otto dischi dal 2000 in poi, tre dei quali sono stati premiati dai Grammy Awards. Ma un Grammy Sanchez lo ha raggiunto nel 2016 anche con un lavoro tutto proprio: la colonna sonora del film “Birdman”, plurinominato per gli Oscar, dove la sua batteria affronta il discorso musicale in un ruolo di sviluppo compositivo. L’esordio come leader di Sanchez si fregiò di un ottimo auspicio: il disco “Migration”, al quale collaboravano Corea, Metheny e il sassofonista Chris Potter, fu definito uno dei migliori debutti del 2007. A tale esordio seguirono poi diverse conferme: “New Life”, del 2013, ricevette in Germania il prestigioso Echo Jazz Award, mentre i due ultimi capitoli della sua discografia lo vedono impegnato da una parte con altri illustri comprimari come Brad Mehldau, John Scofield, Joe Lovano, e dall’altra con la formazione Migration che si presenta a Merano, in cui sono riuniti musicisti di valore che ben conoscono e interpretano il mondo del batterista messicano: Seamus Blake (sassofono), John Escreet (pianoforte), Matt Brewer (contrabbasso) e Thana Alexa (voce).

I tre concerti di Meranojazz programmati al Teatro Puccini avranno inizio alle ore 21.00. Il costo del biglietto d’ingresso sarà di 15 euro (ridotto a 10 euro per gli under 26) con possibilità di abbonamento alle tre serate al costo di  30 euro (20 euro per gli under 26). La cassa del Teatro sarà aperta a partire dalle ore 18 la sera del 10 luglio, a partire dalle ore 20 invece nelle serate del 12 e del 13 luglio.

L’edizione 2017 del Festival Meranojazz è organizzata dal Comune di Merano in collaborazione con il Centro servizi culturali Santa Chiara di Trento.

In foto: Bill Frisell Trio, da sinistra: Kenny Wollesen, Bill Frisell e Tony Scherr. 

Giornalista pubblicista, scrittore.
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com