Cultura e società Ultime Notizie

Bolzano. Friederike Wellenzohn Theiner, ha 92 anni la più anziana partecipante allo studio Eurac Research

28 Giugno 2017

Autore:

Bolzano. Friederike Wellenzohn Theiner, ha 92 anni la più anziana partecipante allo studio Eurac Research

L’Eurac sta conducendo la ricerca su diecimila abitanti della Val Venosta per conoscere le cause di alcune malattie molto diffuse.

Si chiama studio CHRIS la ricerca dell’Eurac  volta a capire come incidono i caratteri ereditari nella trasmissione delle malattie cardiovascolari, del sistema nervoso e del metabolismo. Al momento più di 10.000 venostani hanno partecipato allo studio contribuendo ad accrescere le informazioni sulle cause di queste malattie molto diffuse. I ricercatori raccolgono campioni di urina e di sangue per analizzare il DNA e i processi metabolici e svolgono delle interviste basate su protocolli internazionali per ricostruire la storia medica e lo stato di salute dei partecipanti. A partire da questi dati e dalle informazioni raccolte, i ricercatori di Eurac Research studiano come fattori ambientali ‒ ad esempio lo stile di vita ­‒ e fattori genetici influiscano sull’insorgere delle malattie.

Allo studio hanno preso parte anche più componenti della stessa famiglia, a volte appartenenti a diverse generazioni. La genealogia è, assieme all’omogeneità, uno dei fattori che rende lo studio CHRIS un caso speciale in Europa – spiega Peter Pramstaller, direttore dell’Istituto di biomedicina di Eurac Research: “Grazie a un ambiente omogeneo, quale è la val Venosta, lo studio CHRIS ha un vantaggio rispetto ad altri studi di popolazione in ambienti eterogenei, come quelli delle grandi città. Infatti, l’omogeneità ambientale consente di identificare i segnali genetici molto più chiaramente. Inoltre, la partecipazione di più generazioni dà al ricercatore informazioni preziose sulla trasmissibilità dei caratteri ereditari”.

Per i ricercatori il coinvolgimento della fascia più anziana della popolazione riveste un ruolo importante, come sottolinea Pramstaller: “I dati e le informazioni di più generazioni ci aiutano a stabilire relazioni tra geni, ambiente, malattia e salute”. È per questo che i ricercatori incentivano la partecipazione allo studio delle persone anziane. il fatto di soffrire di qualche malattia non è un ostacolo alla partecipazione, l’importante è essere disposti a trascorrere una mattinata al Centro CHRIS di Silandro per sottoporsi alle visite.

Con i suoi 92 anni, Friederike Wellenzohn Theiner di Prato allo Stelvio è la più anziana partecipante allo studio. La signora ha 125 discendenti: 16 figli, 50 nipoti, 58 bisnipoti e un trisnipote. 31 membri di questa famiglia che vanta cinque generazioni hanno partecipato allo studio CHRIS dando un contributo prezioso alla ricerca: la presenza di più membri della stessa famiglia permette ai ricercatori di studiare la trasmissione dei caratteri ereditari.

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *