Cultura & Società Ultime Notizie

L’acqua è energia. Ogni goccia è preziosa.

21 Marzo 2017

author:

L’acqua è energia. Ogni goccia è preziosa.

Il progetto triennale di ricerca EUREGIO EnerWater al quale SEAB ha partecipato insieme a Ecocenter, al centro di ricerca tirolese AlpS e ad altri esperti di Austria e Italia, si è concluso in tempo per la Giornata mondiale dell’acqua. L’obiettivo a lungo termine, oltre al risparmio energetico, è un uso il più possibile efficiente e sostenibile di una risorsa preziosa come l’acqua.

La peculiarità dell’acqua di Bolzano non è solo la sua grande qualità, ma anche l’elevato consumo di energia che richiede la sua estrazione. L’acqua potabile di Bolzano è costituita quasi interamente (per la precisione il 95%) da acqua di falda che, da una profondità che varia da 30 a 80 metri, viene portata in superficie mediante 14 potenti pompe di sollevamento. Pochi sanno che il consumo annuo di energia di una sola di queste pompe equivale al consumo annuo medio di 200 famiglie! Anche usura del tempo e ampliamenti della rete possono far sì che le pompe operino in condizioni di esercizio non ottimali e quindi consumino più del dovuto. Inoltre, le condutture presentano spesso perdite e guasti dovuti all’età, alle caratteristiche dei materiali e anche alle condizioni ambientali, con il risultato che ogni anno quasi un quarto dell’acqua immessa nella rete va perduta. In una rete idrica complessa e ramificata lunga 192 km è necessario organizzare un sistema di ricerca delle perdite sistematico ed efficiente.

Alla luce di questi problemi veniva avviato il progetto triennale di ricerca EnerWater di EUREGIO con l’obiettivo di aumentare l’efficienza energetica delle reti dell’acqua potabile e fognaria. L’intera rete idrica di Bolzano è stata sottoposta a un attento esame, soprattutto per quanto riguarda le pompe di sollevamento e le loro prestazioni. Si è proceduto a una armonizzazione sistematica dei tempi di attivazione e della regolazione delle singole pompe (in funzione delle esigenze della città) tale da garantire il massimo grado possibile di sinergia ed efficienza. I dati acquisiti sono serviti anche a decidere l’acquisto di nuove pompe (es. per i pozzi Ronco, Semirurali e Aeroporto).

Il team di ricerca si è anche occupato del problema della perdita d’acqua dovuta a guasti e a degrado delle condutture: di norma SEAB controlla ogni anno circa il 15% della rete idrica per verificare la presenza di danni. Ora però i tecnici SEAB hanno a disposizione anche strumenti standardizzati per effettuare una valutazione quantitativa delle condutture e generare elenchi di priorità in base ai quali effettuare gli interventi di risanamento. Con l’uso di metodi e strumenti innovativi è quindi possibile ottimizzare la pianificazione degli interventi di ripristino non solo per risparmiare energia, ma anche per gestire un bene prezioso come l’acqua in modo sostenibile e più rispettoso possibile delle risorse.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *