Italia Ultime Notizie

Roma. Cyberspionaggio, rimosso direttore della polizia postale

11 Gennaio 2017

author:

Roma. Cyberspionaggio, rimosso direttore della polizia postale

I fratelli Giulio e Francesca Occhionero negano ogni addebito.

Il capo della polizia ha deciso in serata la rimozione di Roberto Di Legami, direttore della polizia postale che ha condotto l’inchiesta sul cyberspionaggio, per divergenze con il vertice del corpo. Stando ad alcune indiscrezioni, il motivo della decisione sarebbe che non ha informato dell’inchiesta il prefetto Franco Gabrielli. Contattato da Repubblica, Di Legami conferma la notizia ma non rilascia commenti. Mentre la polizia rimuove  Di Legami, è in corso l’interrogatorio a Giulio Occhionero, uno dei due arrestati, che nega recisamente ogni addebito. . “Il mio assistito nega di aver fatto attività di spionaggio, i server all’estero li aveva per lavoro. Risponderà alle domande del gip – dichiara il suo avvocato  – e ha cose da chiarire: questa è una vicenda ancora tutta da scrivere e lui nega di aver fatto alcunchè di illecito” L’inchiesta ha scosso il sistema politico ed economico italiano. La Polizia postale ha svelato un enorme sistema di hackeraggio, in corso da almeno 6 anni, contro politici, banchieri e vertici delle istituzioni. Nella rete messa in piedi dai due arrestati – i fratelli Giulio e Francesca Occhionero. –  sono finiti gli ex premier Matteo Renzi e Mario Monti, vertici di istituzioni come il presidente della Bce Mario Draghi e l’ex comandante generale della Guardia di Finanza, Saverio Capolupo, religiosi come il cardinal Ravasi, enti come l’Enav e la Regione Lazio.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *