Cronaca Ultime Notizie

Il nuovo Questore ricevuto in Municipio dal Sindaco Caramaschi

3 Gennaio 2017

author:

Il nuovo Questore ricevuto in Municipio dal Sindaco Caramaschi

Giuseppe Racca salutato ufficialmente dal primo cittadino del capoluogo.

Il Sindaco di Bolzano Renzo Caramaschi ha ricevuto in municipio il nuovo Questore del capoluogo. Si tratta di Giuseppe Racca proveniente dalla Questura di Catanzaro. Prende il posto di Lucio Carluccio dall’inizio dell’anno in pensione.
Racca, nato a Formia,  giunge a Bolzano dopo aver operato in una dozzina di città ed aver ricoperto numerosi e prestigiosi incarichi come ad esempio la direzione centrale della Polizia criminale del  servizio anticrimine dove ha diretto la sezione criminalità  organizzata “camorra” e nella direzione investigativa antimafia di Palermo e Napoli.
Giuseppe Racca ha anche diretto il Centro Criminalpol di Puglia e Basilicata e dopo aver frequentato la Scuola di Perfezionamento delle Forze di Polizia, è stato nominato nel 2008 Questore prima a Lecco, poi nel 2010 a Ravenna, nel 2013 a Parma, quindi Catanzaro e ora Bolzano.
Nel corso dell’incontro, molto cordiale, il Sindaco Caramaschi ha portato il saluto ufficiale anche a nome dell’intera comunità cittadina e dell’amministrazione comunale. In primo piano gli aspetti legati alla sicurezza del territorio anche alla luce dei recenti drammatici episodi di cronaca internazionale.  Il primo cittadino si è intrattenuto con il nuovo Questore sottolineando in particolare l’ottima collaborazione tra il Comune con il Comando di Polizia Municipale e la Polizia di Stato. Da parte sua il Questore Racca ha garantito la massima disponibilità a proseguire in quel proficuo rapporto di collaborazione con l’amministrazione cittadina consolidatosi nel corso degli anni. Il Sindaco in conclusione dell’incontro, ha formulato al nuovo Questore i migliori auguri per il nuovo importante incarico che si appresta a ricoprire.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *