Cultura & Società Ultime Notizie

L’azienda di Lonato (Brescia) diversifica e diventa partner della Ritten (Bolzano)

1 Dicembre 2016

author:

L’azienda di Lonato (Brescia) diversifica e diventa partner della Ritten (Bolzano)

CableSteel: 80 km di funi in acciaio alla Ritten di Bolzano per la coltivazione delle mele.

Lonato del Garda (Bs), 28 novembre 2016 – L’azienda bresciana CableSteel è stata scelta dalla HR Ritten come fornitore di funi in acciaio zincato per l’utilizzo nella coltivazione delle mele.

La Ritten, azienda altoatesina fra i maggiori produttori di mele del Sud Tirolo, riceverà ogni anno 80 km di funi in acciaio zincato da diametri che spaziano da 3 a 8 mm nella formazione 49 fili da utilizzare per il sostegno dei tralci nei frutteti.

Grazie all’innovativo impiego delle funi in acciaio in agricoltura, in particolare nella produzione di mele, l’azienda di Lonato del Garda, presieduta da Stefania Antonini, diversifica  e si espande. L’impiego delle tradizionali funi in acciaio in agricoltura sta diffondendosi soprattutto in Trentino Alto Adige, nella produzione delle mele (82% del valore della frutticoltura in Trentino) e nella viticoltura e costituisce una significativa innovazione di business per l’azienda. Fino a pochi anni fa per il sostegno dei tralci nei vigneti e frutteti, veniva utilizzato quasi esclusivamente semplice filo zincato. Oggi circa 500 chilometri di funi sono utilizzate nel settore nei sistemi di ancoraggio e nei sistemi antigrandine come collegamento longitudinale e trasversale tra i pali, con funzione equilibratrice.

Con oltre 45 anni di esperienza, CableSteel è specializzata nella produzione di funi in acciaio, progettazione e produzione di sistemi di sollevamento, sistemi di ancoraggio e movimentazione dei carichi industriali adatti a diversi settori applicativi (acciaierie, cantieri, officine meccaniche, linee vita e altro).

Il piano di crescita industriale, che ha l’obiettivo di fondo di posizionare l’azienda come polo di riferimento per il sollevamento, la movimentazione e l’impiego innovativo delle funi in acciaio, punta ad arrivare a 10 milioni di fatturato entro il 2019 e prevede anche l’acquisizione a inizio 2017 di un’azienda bresciana nel settore carrelli elevatori, che segue l’acquisizione perfezionata nel 2016 di una carpenteria officina meccanica per aumentare l’offerta di prodotti e servizi.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *