Politica Ultime Notizie

Bolzano. Il Sindaco Caramaschi illustra la localizazione della nuova piscina coperta che sarà relizzata nell’areale FS

5 Dicembre 2016

author:

Bolzano. Il Sindaco Caramaschi illustra la localizazione della nuova piscina coperta che sarà relizzata nell’areale FS

Termovalorizzatore: via libera allo smaltimento di una percentuale di rifiuti urbani provenienti dal Trentino. La nuova piscina coperta nell’areale FS. Novità per i mercatini delle pulci.

Conferenza stampa del Sindaco di Bolzano Renzo Caramaschi e del vice Christoph Baur sulle principali decisioni di Giunta comunale.  L’esecutivo cittadino stamane ha approvato un protocollo d’intesa per disciplinare i rapporti tra Comune e Provincia di Bolzano in merito alla “possibilità di smaltimento di rifiuti urbani provenienti dalla vicina provincia di Trento al fine di far meglio funzionare il termovalorizzatore con una maggiorazione delle entrate per il Comune da poter utilizzare per finanziare misure di potenziamento delle politiche ambientali della Città”. In sostanza è stato dato il via libera al conferimento all’impianto di termovalorizzazione di Bolzano gestito dalla società Ecocenter, di un ulteriore flusso di rifiuti urbani ed assimilabili stimato tra le 15 e le 20.000 tonnellate annue prodotti nella sola provincia di Trento. Ciò consentirà di “ottimizzare l’utilizzo  dell’impianto, il quale verrà comunque sempre gestito nel pieno e preminente rispetto della sicurezza, dell’affidabilità e della garanzia per una corretta tutela ambientale, nonché entro i limiti della capacità autorizzata”. La Provincia di Trento, sulla base di apposito accordo con la Provincia di Bolzano, potrà conferire dal 1 gennaio 2017 al termovalorizzatore esclusivamente rifiuti urbani non differenziati (codice Cer 200301) riconoscendo all’Ecocenter una tariffa per il trattamento di 101,00 Euro/ton che rimarrà fissa per l’intera durata dell’accordo ovvero per i prossimi 5 anni.  Al Comune di Bolzano quale territorio sede dell’impianto, sarà riconosciuta un’indennità pari al 6% di 81 Euro per ogni tonnellata di rifiuti urbani conferiti, mentre per ogni tonnellata di rifiuti conferiti dalla Provincia di Trento verranno liquidati ulteriori 20 Euro. Tali proventi, complessivamente circa 500.000 Euro l’anno, saranno utilizzati dal Comune per coprire misure per il miglioramento dell’efficienza energetica, l’uso di fonti rinnovabili, per migliorare la mobilità e per potenziare le politiche ambientali della città. Il Sindaco Caramaschi ha ricordato che tale accordo è nato anche in considerazione del fatto che la Provincia di Bolzano fa trattare circa 8.000 tonnellate/anno di rifiuti organici in impianti della Provincia di Trento. Stamane la Giunta comunale ha approvato tale intesa, con il voto contrario dell’Assessore all’Ambiente Maria Laura Lorenzini.
Rimanendo in tema di gestione dei rifiuti urbani e assimilati, stamane la Giunta comunale ha approvato il piano finanziario 2017, le tariffe e le agevolazioni tariffarie per le persone anziane. E’ stato in sostanza approvato il piano finanziario 2017 del servizio di igiene ambientale presentato dalla SEAB. Approvata inoltre la restituzione di 1.824.060 Euro di eccedenza relativamente alla tariffa rifiuti 2015 con conseguente riduzione del gettito complessivo da tariffa del 6,34% rispetto al piano finanziario 2015. Approvate a far data dal 1. gennaio 2017, le tariffe per la gestione dei rifiuti urbani con una riduzione della tariffa base delle utenze non domestiche del 33% e delle utenze domestiche del 39,5% con una diminuzione media delle tariffe finali del 7,2% per le imprese e del 5,2% per le famiglie. Sono state infine approvate le percentuali di riduzione della tariffa complessiva per la gestione dei rifiuti urbani:  0-15.000 Euro 50%; 15.001-20.000 Euro 35%;  20.001-30.000 Euro 20%. Tali agevolazioni si adotteranno nell’esercizio 2017 e saranno concesse ai nuclei familiari composti da persone al di sopra dei 65 anni.
La Giunta stamane si è occupata anche della regolamentazione dei “mercatini delle pulci” che si svolgono su suolo pubblico e precisamente sulle passeggiate del Talvera e in alcune piazze cittadine (piazza Tribunale, piazza Mazzini, piazza Montessori e piazza Matteotti). Tali manifestazioni sono cresciute nel corso degli anni con presenza di espositori che spesso provengono da fuori città, con alcuni che a volte assumono comportamenti problematici oppure frequentano i mercatini in maniera più o meno stabile. Tutto ciò ha contribuito a far perdere a tali mercatini la loro vera natura e vocazione iniziale con uno sviluppo che invece tende ad una direzione opposta rispetto a quella voluta dalla Città capoluogo. Posto inoltre che il Comune intende organizzare piccoli mercatini dell’usato nei vari quartieri per coinvolgere maggiormente i residenti e vivacizzare i diversi rioni e le zone periferiche della Città, stamane la Giunta ha deciso di non affidare più la gestione a terzi dei mercatini dell’usato sui prati del Talvera e nelle piazze pubbliche, ma di promuovere direttamente, attraverso i propri uffici, piccoli appuntamenti di quartiere con un coinvolgimento diretto della popolazione.
La Giunta ha approvato un’integrazione relativa al masterplan per la riconfigurazione dell’areale ferroviario sulla base dello strumento urbanistico tra Provincia e Comune con la sottoscrizione per adesione di Rete Ferroviaria Italia e Trenitalia. Si tratta, come noto, della trasformazione urbanistica, riorganizzazione e riqualificazione delle aree ferroviarie individuate sulla base di un apposito protocollo d’intesa. Nel quadro di uno sviluppo organico degli impianti sportivi, la Giunta comunale ha deciso di realizzare di un nuovo impianto natatorio per le attività agonistiche (nuoto e tuffi) nell’areale ferroviario, con la previsione di realizzare una vasca olimpionica 50×25 con 10 corsie (larghezza 2,5 metri) e una vasca per i tuffi 25×20 con profondità di 5 metri sulla base delle caratteristiche e con le dotazioni indicate da CONI e FINA e la possibilità di accogliere circa 2.000 spettatori.

Per quanto riguarda le materie urbanistiche, la Giunta ha approvato il piano di recupero di un’area tra via Piani di Bolzano e via Piani d’Isarco (area ex Kettmair). Come ha spiegato il vice Sindaco e Assessore competente Christoph Baur, si tratta di una superficie totale di 4.235 mq interessata dal piano di recupero, per una cubatura di 20.019 mc e con un’altezza massima del nuovo edificio di 23 metri (piano terra + 6). Sull’area  previsto un percorso pedonale di uso pubblico di raccordo tra via Piani di Bolzano e via Piani d’Isarco. Previsto inoltre un tracciato che consentirà l’accessibilità ai mezzi di soccorso.
Nuova approvazione anche per la proposta di variante al Puc per un’area di via Cadorna destinata ad alloggi per il ceto medio con la trasformazione della p.ed  da zona per attrezzature collettive-impianti sportivi a zona di iniziativa privata ovvero zona residenziale C2 di espansione-ceto medio.

In foto: il Sindaco Renzo Caramaschi 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *