Cultura & Società Ultime Notizie

La nuova Concessione dell’A22: tavola Rotonda a Nogarole Rocca

6 Novembre 2016

author:

La nuova Concessione dell’A22: tavola Rotonda a Nogarole Rocca

“Il rinnovo della concessione dell’Autostrada del Brennero A22: progetti e prospettive per il territorio”. Questo il titolo della XIII rassegna da S. Leonardo a S. Martino organizzata dall’Amministrazione comunale di Nogarole Rocca, in collaborazione con A22, che affronta annualmente il delicato tema “Strada e società: percorsi in sicurezza” commemorando al contempo le vittime della strada.

Ieri alle ore 10.00, nella Chiesa Parrocchiale di Pradelle, si è tenuta la Santa messa in suffragio delle vittime della strada. A seguire, alle ore 11.00, presso l’ex oratorio di San Leonardo, alla presenza di numerose autorità istituzionali, si è aperta la tavola rotonda quest’anno incentrata sul delicato tema del rinnovo della concessione dell’A22 ad Autostrada del Brennero.

A fare gli onori di casa il Sindaco di Nogarole Rocca, Paolo Tovo che ha ringraziato tutti i presenti, citando in particolare la presenza del “cittadino onorario” dello stesso Comune  Ferdinand Willeit, già Presidente di Autobrennero.

Ha poi preso la parola il Presidente di A22, Andrea Girardi che, in sintesi, ha illustrato lo stato d’animo e le azioni che sta compiendo la Società. “L’accordo con il MIT c’è – ha precisato, riferendosi al Protocollo d’Intesa siglato a Roma lo scorso 14 gennaio – ma non significa che la concessione sia un atto dovuto. Stiamo lavorando per rispettare le disposizioni fissate nel protocollo e definite con il Ministero, che al momento è un ottimo interlocutore”. A tale riguardo ha precisato che il primo passo, ora, è quello di “chiudere con i soci privati” per divenire una Società pubblica al 100%. Si è quindi sbilanciato presumendo la definizione di un atto concessorio nell’autunno del prossimo anno. Il Presidente Girardi ha concluso il suo intervento manifestando l’importanza, in questo delicato momento, della vicinanza e dell’appoggio di tutti i territori dell’asse.

Il Presidente della Provincia di Verona Antonio Pastorello ha sottolineato la forte volontà di tutti i territori veronesi a non fermarsi e a rimanere uniti, come una squadra, per riuscire ad ottenere importanti opere, indispensabili ad un territorio dotato di tre importanti stazioni autostradali, quali Affi, Verona nord e Nogarole Rocca, di un interporto e del futuro terminal di Isola della Scala, indispensabile vista la realizzazione del tunnel del Brennero.

Anche il Vicepresidente di A22 Fausto Sachetto ha posto l’attenzione sul territorio veronese e sulle sue potenzialità di crescita. Ha precisato che vi sono diversi progetti di sviluppo che si spera possano decollare con il rinnovo della concessione tra cui, in particolare, la Mediana e, il già menzionato, terminal di Isola della Scala.

Il punto sul percorso che Autobrennero sta facendo per arrivare all’auspicato rinnovo della concessione è stato fatto dall’Amministratore Delegato della società, Walter Pardatscher che, in primo luogo, ha ricordato in contenuti del protocollo siglato tra MIT e i Soci pubblici  dell’A22. Esso prevede che la concessione vada affidata ad “una società interamente partecipata dalle amministrazioni pubbliche”. Oltre l’80% delle attività di A22 dovrà inoltre riguardare compiti affidati dallo Stato tramite le amministrazioni pubbliche che eserciteranno sulla Società un controllo analogo a quello da esse esercitato sui propri servizi. L’Amministratore Delegato ha precisato che la Società ha già avviato da tempo l’iter per l’acquisto delle quote dei soci privati e che sono state inoltre svolte le analisi preliminari per definire il nuovo sistema tariffario, funzionale alla realizzazione di uno studio del traffico e del Piano Economico Finanziario. “Il nuovo PEF – ha sottolineato Walter Pardatscher – dovrà tener presente l’obbligo di Autostrada del Brennero di operare secondo i principi dell’operatore privato nel rispetto dei parametri desumibili dal mercato delle concessionarie autostradali private. La Società dovrà comunque operare nel rispetto degli obblighi del servizio pubblico, tendere al contenimento degli aumenti tariffari e riservare una quota degli utili per il completamento delle infrastrutture ferroviarie del corridoio del Brennero, dei corridoi di acceso, nonché delle infrastrutture ferroviarie connesse al nodo di Verona”.

L’Amministratore Delegato ha quindi passato la parola al Direttore Tecnico Generale di A22, Carlo Costa che, con un intervento analitico e approfondito, ha illustrato il nuovo Piano Finanziario di Autostrada del Brennero che prevede investimenti per circa 3 miliardi di Euro. Tra essi i più importanti la terza corsia dinamica fra Bolzano sud e Verona e la terza corsia nella tratta Verona – Campogalliano. Sono poi previsti investimenti per sovrappassi, barriere antirumore, parcheggi e autoparchi e nella stabilizzazione dei versanti. L’ingegner Costa ha sottolineato che particolare attenzione sarà riservata alle aree di servizio con interventi volti ad ampliare gli spazi dedicati ai servizi primari alla persona, creare nuove zone parcheggio, destinare ampie zone a verde e a superfici attrezzate e introdurre servi quali internet point, punti informativi turistici, dalle pompe GPL, metano, idrogeno, alle colonnine di rifornimento di energia elettrica e alle innovazioni tecnologiche, volte in particolar modo alla riduzione dell’inquinamento acustico e ambientale.

Il Sindaco Tovo ha quindi dato la parola alle autorità presenti in sala che hanno potuto confrontarsi a tutto raggio con i vertici di Autostrada del Brennero. I lavori si sono quindi chiusi con l’auspicio che Autostrada del Brennero possa ottenere al più presto il rinnovo, per il bene non solo della Società ma di tutti i territori che essa attraversa.

In foto: l’Amministratore Delegato della società, Walter Pardatscher

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *