Politica Ultime Notizie

Alloggi per profughi, altri 25 posti a Merano

1 Agosto 2016

author:

Alloggi per profughi, altri 25 posti a Merano

Merano mette a disposizione altri 25 posti per l’alloggiamento di richiedenti asilo. Questa è stata la decisione della Giunta meranese nella settimana scorsa su proposta del Sindaco Paul Rösch.

Nelle settimane scorse, tramite la comunità comprensoriale, l’assessora Martha Stocker aveva richiesto ai comuni del Burgraviato di mettere a disposizione ulteriori alloggi per i richiedenti asilo. In base alle regole che determinano la ripartizione nel territorio provinciale delle persone immigrate, alla zona del Burgraviato verranno presto destinati altri 102 richiedenti asilo. Dopo il Comune di Rifiano, che ha giá trovato una struttura capace di ospitare 25 persone, anche la Giunta comunale di Merano ha dato il proprio assenso ad accogliere ulteriori 25 immigrati, che verrano ospitati ampliando la struttura giá esistente presso l’areale ferroviario. „Siamo consapevoli della responsabilità che ci compete quale Comune più importante del Burgraviato e quale seconda città di tutta la Provincia. Con i suoi 40.000 abitanti Merano deve fare la sua parte“ – così il Sindaco Rösch. „L’accoglienza e l’integrazione degli immigrati finora ha dimostrato di funzionare, grazie soprattutto al lavoro di tanti volontari e volontarie meranesi e sono sicuro che così sarà anche in futuro.“

L’assessora Stocker ha rinnovato l’invito rivolto ai Comuni del Burgraviato di reperire ulteriori alloggi: „Dopo la disponibilità garantita dai Comuni di Rifiano e Merano di ospitare 50 immigrati abbiamo bisogno di ulteriori 52 posti. I Comuni sono pertanto chiamati a reperire strutture idonee all’accoglienza, confidando vi sia un’equa distribuzione su tutto il territorio burgraviale“. Il presidente della Comunità comprensoriale del Burgraviato Luis Kröll ha detto: „L’alloggiamento dei profughi è un compito comune della Provincia, delle comunità comprensiorali e dei comuni. Il Burgraviato è disposto a fare la sua parte.“

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *