Cultura & Società Ultime Notizie

Bolzano. L’Accademia Gustav Mahler, presentata l’edizione 2016 dei corsi di alto perfezionamento musicale e dei concerti

22 Luglio 2016

author:

Bolzano. L’Accademia Gustav Mahler, presentata l’edizione 2016 dei corsi di alto perfezionamento musicale e dei concerti

Renzo Caramaschi e Sandro Repetto presentano la 18a edizione dell’Accademia Gustav Mahler

Alla presenza del Sindaco di Bolzano Renzo Caramaschi e dell’Assessore alla Cultura del Comune capoluogo Sandro Repetto è stata presentata stamane nel corso di una conferenza stampa all’Hotel Città, la 18a edizione dell’Accademia Gustav Mahler. E’ stata l’occasione per ribadire il legame strettissimo tra il capoluogo, la musica sinfonica e i giovani musicisti provenienti da tutta l’Europa che in questo caso, ne sono i veri protagonisti protagonisti.
“Musica e Gioventù” ha detto Caramaschi,  ricordando come questa iniziativa nata sul finire degli anni ’90, sia stata fortemente voluta dal Maestro Claudio Abbado. “Un opportunità per aprirsi all’Europa, per farsi piacevolmente contagiare anche culturalmente da una vivace e piacevole presenza giovanile in grado di arricchire tutta la comunità cittadina”.
Nel merito un’edizione quella di quest’anno, all’insegna del binomio Bach-Schönberg, con docenti di altissimo livello degli ensemble English Baroque Soloists e Mahler Chamber Orchestra.
L’estate bolzanina è letteralmente invasa dai giovani talenti: la prima linea di questa gioiosa schiera di musicisti è costituita proprio dagli studenti dei corsi di Alto Perfezionamento dell’Accademia Gustav Mahler iniziati nei giorni scorsi.
Molte le novità per questa nuova edizione dell’Accademia. In primo luogo il doppio focus sul repertorio di due compositori per certi versi agli antipodi: Johann Sebastian Bach e Arnold Schönberg. Gli studenti affronteranno lo studio di questi fondamentali maestri della classica con l’aiuto di un team di insegnanti di altissimo profilo. I musicisti del English Baroque Soloists, uno degli ensemble più rinomati nell’ambito della musica antica, approfondiranno l’aspetto della prassi esecutiva barocca nell’opera di Bach, mentre i docenti della Mahler Chamber Orchestra, la cui collaborazione con l’Accademia è ormai consolidata, si dedicheranno alle opere di Schönberg.
Un artista quest’ultimo spesso difficilmente digerito dal pubblico e dagli esecutori e pertanto raramente interpretato malgrado la sua notorietà. Eppure il suo ruolo nella musica del Novecento è stato fondamentale: per allontanarsi dal “kitsch” tardo-romantico, dominante al volgere del secolo, Schönberg rivoluzionò completamente il linguaggio dell’armonia. Un gesto così radicale che furono ben pochi a recepirlo. Eppure il suo influsso sull’universo della composizione musicale ha tutt’oggi una dimensione monumentale, almeno quanto quello di Johann Sebastian Bach, che nella scelta della direzione artistica di quest’edizione ne costituisce la controparte. La sua musica è ispirata, personale e geniale, anche se di minore impatto emotivo. Giustamente dunque gli studenti dell’Accademia Gustav Mahler, che rappresentano la “crème” dei giovani strumentisti europei, si dedicheranno per due settimane alle sue composizioni orchestrali e cameristiche.
Il concerto sinfonico del 29 luglio sarà diretto da Matthias Pintscher, una vera star tra le nuove generazioni di direttori e compositore lui stesso. Accanto ai brani di Schönberg e Mahler ascolteremo infatti anche un suo concerto per violino dedicato alla celebre violinista Julia Fischer.

DOCENTI 2016

Il corpo docenti dell’Accademia Gustav Mahler può vantare anche quest’anno vere personalità della musica internazionale. Tra i docenti Heime Müller e Volker Jacobsen, membri del Quartetto Artemis e insegnanti nelle Musikhochschule di Lubecca e Hannover. Anche quest’anno tornano a Bolzano i solisti della Mahler Chamber Orchestra con Delphine Tissot, Henja Semmler, Christian Heubes, Chiara Tonelli, José Vicente Castello e Igor Caiazza, che si occuperanno in particolare dell’approfondimento delle opere di Schönberg. Sul repertorio di Johann Sebastian Bach lavoreranno invece i musicisti dell’English Baroque Soloists, ovvero Kati Debretzeni, Alison Bury, Anne Schumann, David Watkin, Michael Niesemann e Oliver-John Ruthven, membri anche del Monteverdi Choir and Orchestra.
A questi si aggiungono Maximilian Hornung, Alexandra Scott, Miriam Olga Pastor Burgos, Nicola Jürgensen e il direttore artistico Philipp von Steinaecker.

IL CONCERTO SINFONICO CON MATTHIAS PINTSCHER

Nell’appuntamento dell’Accademia dedicato al repertorio sinfonico ascolteremo opere di Arnold Schönberg, Gustav Mahler e Matthias Pintscher.
L’accostamento dei primi due compositori è tutt’altro che scontato e storicamente fedele al rispetto e alla stima reciproci che legavano le due personalità musicali. Dopo l’incontro a Vienna nel 1903, il rapporto tra il giovane Schönberg e l’ormai affermato Gustav Mahler fu caratterizzato da una grande amicizia. Nella vita pubblica e difronte alla critica, i due si sostennero sempre vicendevolmente, per quanto su alcuni aspetti sostanziali i loro punti di vista differissero notevolmente; lo stesso Mahler ammise di non comprendere sempre appieno la musica dell’amico, come appunto nel caso della Kammersymphonie nr.1 op. 9 (arrangiata per orchestra nel 1906). Chissà cosa avrebbe pensato invece di “Begleitmusik zu einer Lichtspielszene”, composto da Schönberg nel 1930: un trittico di 9 minuti concepito come colonna sonora di un immaginario film muto (“Drohende Gefahr – Angst – Katastrophe”). Malgrado svariati tentativi non si riuscì mai a girare un film adatto durante la vita del compositore, e l’opera rimase una “musica per nessun film”. Schönberg si mostrò però fiducioso rispetto al suo possibile utilizzo nel cinema dell’avvenire: “Se penso al film, penso a film futuri, che dovranno di necessità essere film artistici. E per quei film la mia musica potrà servire”.
La giovane star della direzione orchestrale Matthias Pintscher salirà sul palco in questo caso nella doppia veste di direttore e compositore. L’orchestra eseguirà infatti con il violinista Diego Tosi il concerto per violino di Pintscher dedicato a Julia Fischer, dal titolo Mar’eh’. “Mar’eh’ significa volto, segno”, spiega Pintscher. “Con questa parola ebraica si può intendere anche l’aura di un viso, una bella apparizione, qualcosa di meraviglioso. Sono arrivato a questa parola pensando alle leggere trame che lei (Julia Fischer) può intessere con il suo strumento, un suonare intenso ma lieve”.
Ad eseguire invece Ich bin der Welt abhanden gekommen di Gustav Mahler sarà il mezzosoprano Katrin Wundsam, celebrata dalla critica per il timbro caldo, profondo e sicuro.
I biglietti per il concerto sinfonico sono già acquistabili presso le casse del Teatro Comunale agli orari di apertura e online al sito www.bolzanofestivalbozen.it. (29.07.2016, ore 20.30 all’Auditorium).

CONCERTI CAMERISTICI AL MUSEION E PALAZZO MERCANTILE
I concerti cameristici gratuiti dell’Accademia Gustav Mahler sono da anni ormai un contributo essenziale e molto apprezzato al programma del Bolzano Festival Bozen. Quest’anno sono due gli appuntamenti con la musica da camera di cui il primo dal taglio decisamente “contemporaneo”; il 30 luglio infatti, dalle ore 18.00 fino alle 21.30 gli studenti dell’accademia eseguiranno diversi brani di musica da camera di Schönberg nelle sale di Museion. L’esibizione sarà intervallata dalla proiezione sulla parete del Museion Passage di un documentario sul compositore.
Il secondo concerto di musica da camera, il 3 agosto a Palazzo Mercantile, sarà invece interamente dedicato alle opere di Johann Sebastian Bach. (30.07.2016, dalle ore 18.00, Museion – 03.08.2016 alle 18 e alle 20.30, Palazzo Mercantile).

ROOF TOP CONCERT
Il 27 luglio alle ore 21.30 saremo tutti invitati ad alzare lo sguardo verso la terrazza dell’Hotel Città e lasciarci ammaliare dallo slancio dei giovani musicisti dell’Accademia Gustav Mahler, che nella luce del crepuscolo eseguiranno sopra Piazza Walther la famosa opera di Schönberg Verklärte Nacht, per orchestra d’archi. Un momento poetico e suggestivo per rinsaldare il forte legame tra l’accademia e la città.

INFORMAZIONI GENERALI
La Fondazione Gustav Mahler – Musica e Gioventù, fu fondata nel 1999 su iniziativa del Maestro Claudio Abbado ed è il risultato di lunghi anni di collaborazione tra la città di Bolzano e la Gustav Mahler Jugendorchester. La fondazione organizza ogni anno un ciclo di masterclass estive per giovani musicisti di alto livello provenienti da tutta Europa. I corsi consistono in lezioni individuali, lezioni di musica da camera e un progetto sinfonico, il tutto affidato a docenti di chiara fama internazionale. Anche quest’anno all’Accademia è stata conferita la Medaglia di Rappresentanza del Presidente della Repubblica, inoltre i corsi si svolgeranno nel contesto di un progetto più ampio di cooperazione europea finanziato da Creative Europe, dal titolo SPREAD, progetto di cui l’Accademia è promotrice e leader. I concerti di quest’anno godono inoltre del patrocinio dell’UNESCO.

DIGITAL MAHLER ACADEMY
La fondazione Gustav Mahler ha raccolto negli ultimi anni numerosi video che sono ora disponibili su internet al sito www.digitalmahleracademy.com. La raccolta comprende estratti dalle lezioni individuali, i corsi di musica da camera e i concerti sinfonici, ed è accessibile gratuitamente per chiunque fosse interessato.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *