Cronaca Ultime Notizie

BOLZANO. VOUCHER, SI DIFFONDE L’ABUSO DEL “CONTRATTO DI LAVORO CHE NON ESISTE”

19 Giugno 2016

BOLZANO. VOUCHER, SI DIFFONDE L’ABUSO DEL “CONTRATTO DI LAVORO CHE NON ESISTE”

di Pinuccia Di Gesaro
I Sindacati si apprestano a farne denuncia a Inps e Ispettorato del lavoro
“Cercasi- Addetta alle vendite – Commessa – Contratto voucher”, questo il cartello esposto nella vetrina di un negozio del centro storico di Bolzano. Ma la comunicazione è scorretta perché il “contratto voucher” semplicemente non esiste. Il voucher non è un contratto debitamente firmato dalle parti che lo contraggono, ma semplicemente un sistema di pagamento per prestazione di lavoro occasionale e accessorio.
È assodato che anche per un lavoro occasionale il lavoratore ha diritto ad essere assicurato se incorre in un infortunio (Inail) e garantito sul piano previdenziale (Inps) ma se la prestazione è occasionale il datore di lavoro paga solo il 13 per cento dell’importo voucher, mentre per un contratto di lavoro vero e proprio, sia esso stagionale, determinato o indeterminato, l’aggravio per il datore di lavoro è del 32,7 per cento. Una bella differenza.
L’abuso dei voucher non è una novità, se ne era riscontrata la diffusione anche nei megastore bolzanini, ma a quanto pare ora la tendenza va estendendosi. Si arriva persino a chiamarlo “Contratto” quando contratto non è. Ma perché, viene da chiedersi, il lavoratore accetta questo abuso? Un lavoratore che firma un contratto a tempo pieno ha diritto alla 13esima, alle ferie pagate, ad essere retribuito quando si ammala, e quant’altro è previsto dal contratto e dalle norme vigenti. Con il voucher invece questi benefici non sono previsti e l’importo che il datore di lavoro deve versare, come si è visto, è molto inferiore e quindi ritaglia grossi vantaggi dall’uso di tale sistema di pagamento. Il lavoratore che accetta di essere pagato con voucher o subisce una forma di ricatto pur di poter lavorare, oppure semplicemente ignora i suoi diritti.
A livello nazionale dal 2008 ad oggi i voucher sono passati dai 536 mila agli oltre 115 milioni nel 2015. Anche in Alto Adige è esplosa la vendita, che si attesta al primo posto in rapporto alla popolazione, mentre in termini assoluti Bolzano è la sesta provincia italiana.

Giornalista pubblicista, scrittore.
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *