Politica Ultime Notizie

LASCIO IL PD PERCHÉ NON È PIÙ LA MIA CASA POLITICA

27 Maggio 2016

author:

LASCIO IL PD PERCHÉ NON È PIÙ LA MIA CASA POLITICA

Il fallimento del mai veramente sostenuto progetto di una forza politica aperta a tutti i gruppi linguistici e la distanza, sempre più percepita, con le posizioni politiche assunte sia a livello nazionale che locale, mi hanno fatto decidere di lasciare il Partito Democratico.
Ho comunicato al gruppo dirigente provinciale la mia scelta che, dopo attenta e lunga riflessione, vede come non più conciliabile con la mia persona, le mie idee, i mie  ideali e le mie convinzioni, la presenza della sottoscritta dentro una casa “Democratica” sempre più stretta e gelida. La politica è impegno, serietà, passione e entusiamo quotidiani, che ormai da tempo nel PD, per quanto mi riguarda, non trovano più quella agibilità che forse non c’è mai realmente stata.
Mi sono iscritta nel 2013 in occasione della mia candidatura alle elezioni provinciali, voluta e incoraggiata dai vertici del PD. Quell’esperienza, alla quale mi si chiese di partecipare per il mio bagaglio di rapporti umani e professionali e per le mie competenze acquisite nel sindacato, non da ultimo come segretaria generale della Funzione pubblica della Cgil, nonché per provenienza dal mondo tedesco, doveva essere il punto di partenza per dare nuova forza e nuovo slancio alla concreta realizzazione di un partito aperto a tutti i gruppi linguistici, che,  fino ad allora, era rimasto praticamente lettera morta.
> >L’ottimo successo che da candidata di lingua tedesca ho conseguito, con 2563 preferenze, prima dei non eletti, doveva essere il punto di partenza per aprire una porta per il coinvolgimento reale del gruppo linguistico tedesco, ma così non è stato. Si è rivelato solo una foglia di fico buona per l’ennesima occasione di dare alla lista del PD una presenza tedesca e femminile. Non si è voluta dare forza al progetto di un partito capace di attrarre elettori non solo di madrelingua italiana, di radicarsi su tutto il territorio e di avere le capacità di essere forza dialogante e propositiva con mondi e settori della società sudtirolese con i quali fin’ora non si era interfacciato. Ma a prevalere sono state, e lo sono tutt’ora, logiche interne di contrapposizioni tra fazioni che di fatto stanno erodendo anche la base elettorale “storica”: vedi ultime elezioni di Bolzano, dove si sono persi più di mille voti. E a prevalere, viste anche le scelte fatte per la lista totalmente italiana del capoluogo, è il modello di un partito a “vocazione italiana”, distante anni luce dal progetto originario del PD per il quale mi ero iscritta. Un progetto per il quale evidentemente non ero, qualora lo sia mai stata, adatta, vista anche l’esclusione dalla segreteria provinciale: non che la nuova abbia messo in campo azioni concrete per portarlo avanti.
Non da ultimo il posizionamento politico e tematico del PD sia a livello nazionale che provinciale che da partito di centrosinistra lo hanno trasformato in un partito di centro – centrodestra. Penso all’alleanza ormai strutturale con Verdini, alla riforma costituzionale, all’astensione al referendum sulle trivelle, all’esclusione dei corpi intermedi, sindacati in primis, dai processi decisionali sul mondo del lavoro, sulle politiche industriali e sulle trasformazioni sociali profonde in atto.
E a livello provinciale, oltre alla praticamente scomparsa della componente di sinistra (vedi da ultimo vagli eletti in Consiglio a Bolzano), alla posizione favorevole sull’aeroporto, al silenzio sulla decisione di abbandonare il software opensource con una spesa annuale di un milione e passa di euro, al silenzio sul rinnovo del contratto dei dipendenti pubblici e sulla situazione delle insegnanti delle scuole materne.
Il PD mi appare sempre più un partito interessato a conservare l’esistente, in termini di potere, che ad essere forza progressista capace di incidere coraggiosamente sulle scelte e le sfide della nostra terra.
Tutte ragioni che mi distanziano ormai irrimediabilmente da questo partito. Continuerò, comunque, a svolgere il mio mandato di consigliera comunale a Brunico in nome e per conto di quelle cittadine e di quei cittadini che mi hanno dato fiducia e che ne apprezzano il mio lavoro.

Cornelia Brugger
consigliera comunale di Brunico

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *