Politica Ultime Notizie

Bolzano. Neo-sindaco al lavoro, allargamento di giunta per il momento escluso

25 Maggio 2016

author:

Bolzano. Neo-sindaco al lavoro, allargamento di giunta per il momento escluso

Entro venerdì Caramaschi vedrà tutti i gruppi.

Caramaschi sta incontrando tutti i gruppi del consiglio comunale. Lunedì è stata la volta della SVP, con Dieter Steger e Christoph Baur, ieri ha incontrato ieri Angelo Gennaccaro e Nicol Mastella (Io sto con Bolzano). Oggi è il turno di CasaPound, domani vedrà gli esponenti della Lega, M5S, Pd e Uniti per Bolzano. Venerdì appuntamento con i Verdi e chiusura lunedì con Giorgio Holzmann di «Alleanza per Bolzano». Intanto sta lavorando al programma insieme a Baur, futuro vicesindaco e dichiara “La base è il programma della mia coalizione, da integrare». Si entrerà nel vivo delle trattative vere e proprie con i possibili alleati a conclusione del giro istituzionale con i gruppi consiliari

Sulla giunta Caramaschi prova a convincere la Svp che una maggioranza con i Verdi è possibile. E lo fa, sulla base del programma. «Credo che questa sia la strada giustaquella di incontrarsi sulle idee», ribadisce il sindaco, che il giorno prima aveva detto “sul programma all’80% ci siamo con la Svp e anche con i Verdi“. Ma la situazione resta in salita, con la Svp che non arretra sulla proposta di larghe intese tra Pd, Svp e Mario Tagnin, lo sfidante di centrodestra. Dunque acque agitate. La Svp punta ad ottenere competenze pesanti in cambio del via libera ai Verdi, mentre al PD si ritiene “che una fetta di Svp vuole veramente rompere con il centrosinistra in Comune e magari domani con il Pd in Provincia”. 

Quanto alla futura giunta Caramaschi mette in chiaro un punto fermo: la squadra sarà a sette. “Per allargare la giunta – dice – si dovrebbe comunque partire da sette e poi modificare lo statuto con maggioranza qualificata in consiglio comunale. Un percorso complicato che non mi sembra realistico date le condizioni e le aspettative dei cittadini.” Sembrerebbe così sfumare l’ipotesi di una giunta a nove, immaginata in ambienti vicini ai Verdi, che potrebbe consentire, secondo qualche interpretazione, la chiamata di un terzo assessore tedesco e quindi di Norbert Lantschner. D’altra parte è impensabile che la SVP accetti di abbassare la quota della propria presenza in giunta a favore degli alleati meno graditi.

Sulla giunta, alcuni tratti appaiono definiti. Caramaschi intende tenere per sé la competenza sul Bilancio. Al vicesindaco Baur (SVP) sembra destinata la competenza sull’Urbanistica. Sandro Repetto (Pd) sembra orientato su Sociale, possibilmente abbinato alla Cultura: Luis Walcher (Svp) potrebbe puntare sui Lavori pubblici e Mobilità. La mobilità è anche uno dei settori che potrebbe essere chiesto dai Verdi, accanto all’Ambiente, comprensivo del piano di riqualificazione energetica degli immobili.

La prima seduta del consiglio comunale, che sarà presieduta dal consigliere anziano Kurt Pancheri, è fissata per martedì 31 maggio. All’ordine del giorno la convalida degli eletti e la relazione finale del commissario uscente Michele Penta. Più avanti, in giugno, sono in programma le votazioni per l’elezione di presidente e vicepresidente del consiglio comunale. Sarà quella la prima cartina di tornasole per la futura giunta.

 

 

 

 

One Comment
  1. Claudio

    Il terzo assessore di lingua tedesca, potrebbe esserci solo in caso di Giunta a 11

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *