Bolzano elezioni, ballottaggio Caramaschi Tagnin

9 Maggio 2016

Bolzano elezioni, ballottaggio Caramaschi Tagnin

di Claudio Calabrese 

Sorprende CasaPound, conferma 5 Stelle, ottimo risultato per Gennaccaro

Primo in classifica il centrosinistra con nove seggi e Caramaschi con 9.507 preferenze, seguito da Uniti per Bolzano che con la Lega totalizza 9 seggi mentre Mario Tagnin, il candidato sindaco, fa 7.833 voti (con un divario da Caramaschi di 1.872 voti).  Terzo in graduatoria Christoph Baur, candidato sindaco della SVP che si qualifica il partito più votato di Bolzano e porta a casa il cospicuo gruzzolo di 6.794 preferenze personali. Non diventerà sindaco, ma il suo partito sarà l’ago della bilancia nella disfida del 22 maggio.

Il boom lo fa CasaPound, con tre consiglieri e il 6.67%, e altrettanto sorprendente il risultato di Io sto con Bolzano che approda in Consiglio con due seggi.

Tonfo clamoroso di Anna Pitarelli con la sua lista innovativa, della consigliera provinciale Elena Artioli, di Vanja Zappetti e di Christoph Kollmann. Buio totale a Sinistra. Lo storico consigliere di Sinistra/die Linke Guido Margheri non riesce a varcare la soglia del Comune, così come i compagni di Rifondazione Comunista. Anche il gruppo dei Pensionati guidato da Franco Murano restano penalizzati dalla nuova legge elettorale.

Il nuovo Consiglio Comunale di Bolzano risulta pertanto composto da 45 eletti. Appartengono al PD: Sandro Repetto con 1.314 preferenze, Mauro Randi 539, Silvano Baratta 400, Monica Franch 326, Alessandro Huber 322, Claudio Volanti 219, Juri Andriollo 203, Carlo Visigalli 194 e il socialista candidato nella lista del PD Claudio Della Ratta 279. L’Svp, il partito più votato in città manda in Consiglio oltre al candidato sindaco Christoph Baur, Luis Walcher con 1.188 preferenze, l’ex assessore Judith Kofler Peintner con 792 voti, Sylvia Hofer 621, Sebastian Seehauser 581, Stephan Konder 573, Johanna Ramoser 517e Peter Warasin con 508.

Il Movimento Cinque Stelle approda in Comune con 6 candidati: Caterina Pifano ottiene 4.918 preferenze, Rudi Rieder 399, Maria Teresa Fortini 367, Paolo Giacomoni 157, Sabrina Bresadola 144 e Davide Costa 132.

La Lega Nord conferma la propria presenza in Consiglio con 5 seggi. IL più votato è Marco Galateo con 309 preferenze, Filippo Maturi 286, Carlo Vettori 261, Luigi Nevola 139 e Kurt Pancheri 117.

Oltre a Mario Tagnin di Uniti per Bolzano entrano in Consiglio, Alessandro Forest con 319 preferenze e Gabriele Giovannetti con 271dell’ala di Alto Adige nel Cuore e Marco Caruso di Unitalia 201 voti.

Discreto risultato per i Verdi che confermano Tobias Planer con 389 preferenze e Maria Laura Lorenzini con 305. Nuovi il candidato sindaco Norbert Lantschner e Chiara Rabini con 168 voti.

La sorpresa di queste elezioni è stata CasaPound che manda in Consiglio il candidato sindaco Maurizio Puglisi Ghizzi e conferma Andrea Bonazza con 861preferenze. Nuovo acquisto Sandro Trigolo, detto Sandrone con 659 voti.

Deludente Giorgio Holzmann che entra in Consiglio assieme all’ex sindaco di maggio Giovanni Benussi con 247 voti.

La lista civica di Renzo Caramaschi ottiene meno del previsto. Entra in consiglio con la sua Lista Civica il candidato sindaco Renzo e Matteo Bonvicini con 169 preferenze.

Sorprendente e al di là di ogni aspettativa l’ingresso trionfale in Consiglio di due rappresentanti di Io Sto con Bolzano con il candidato sindaco Angelo Gennaccaro e Nicol Mastella con 235 preferenze.

 

Giornalista pubblicista, scrittore.
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *