Politica Ultime Notizie

Brennero. Centinaia di agenti per proteggere il confine di Stato

27 Aprile 2016

author:

Brennero. Centinaia di agenti per proteggere il confine di Stato

Brennero. Centinaia di agenti per proteggere il confine di Stato

Vertice dei rappresentanti delle forze dell’ordine d’Italia, Austria e Germania per discutere sui controlli alla frontiera tra l’Italia e l’Austria.

Stanno proseguendo i preparativi per permettere i controlli degli autoveicoli e dei camion in transito. Per farlo sono previste quattro corsie con un limite di velocità di 30 km/h. Nell’apposita area dove verranno svolti i controlli personali e a vista, si dovrà così procedere a passo d’uomo. I tir verranno separati dalle automobili ed i veicoli ritenuti sospetti saranno deviati su specifiche piazze di sosta per ulteriori verifiche. I controlli non si limiteranno solo all’autostrada, ma si estenderanno anche sulla Statale. Il governo austriaco non molla ed insiste sulla presenza di agenti di polizia austriaca sui treni italiani da Fortezza al Brennero. Secondo quanto riportato dai media locali l’Austria sarebbe intenzionata ad erigere alla frontiera un recinto lungo 370 metri, a destra e a sinistra dell’asse viario lungo le pendici montane, qualora non si riuscisse a trovare un accordo con il governo di Roma. Tutto quindi dipenderà dalla disponibilità o meno del governo italiano di realizzare al Brennero delle zone cuscinetto e delle strutture di assistenza. Se la polizia austriaca non potesse iniziare i controlli già a Fortezza, si procederà al controllo di tutti i passeggeri su tutti i treni, persino con uno stop forzato a Steinach in Tirol. È immaginabile che tali controlli provocherebbero dei ritardi non indifferenti. Ancora non è stato deciso nulla di definitivo circa i controlli austriaci in Italia e molto probabilmente un eventuale accordo sarà preso solo all’incontro dei ministri Alfano e Sobotka a Roma, che dovrebbe aver luogo nei prossimi giorni.

 

 

 

One Comment
  1. Daniela Mautone

    Siamo messi bene....

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *