Cultura & Società Ultime Notizie

Aumento e fidelizzazione degli aderenti ed iniziative a loro favore: questo il leitmotiv delle iniziative per il 2016

16 Dicembre 2015

author:

Aumento e fidelizzazione degli aderenti ed iniziative a loro favore: questo il leitmotiv delle iniziative per il 2016

Nella seduta odierna – l’ultima del 2015 – il Consiglio di Amministrazione del Fondo Pensione Laborfonds ha fatto un primo bilancio rispetto all’andamento dell’anno che sta per concludersi e si è confrontato sulle iniziative ed i progetti per il 2016.

“Gli aderenti sono al centro della nostra attenzione. Dobbiamo consolidare il rapporto con loro, rendere ancora più evidenti e tangibili i vantaggi derivanti dell’essere nostri associati. E dobbiamo continuare a crescere, con il sostegno, il supporto e la collaborazione delle parti istitutive” commenta il Presidente Gianni Tomasi. “In questi 15 anni abbiamo fatto molta strada, abbiamo ottenuto molti riconoscimenti – il più recente, il terzo negli ultimi cinque anni, l’assegnazione dell’IPE Award 2015 come “Best Pension Fund in Italy” – abbiamo raggiunto un numero di aderenti ed un patrimonio che ci pone fra i primi a livello nazionale, pur essendo il fondo pensione negoziale della sola Regione Trentino Alto Adige. Ma non basta, anzi: da qui dobbiamo ripartire con nuovo slancio e nuove iniziative, nella costante ricerca del massimo interesse per i nostri aderenti”.

Aumento e fidelizzazione degli aderenti ed iniziative a loro favore saranno quindi il leitmotiv a Laborfonds nel 2016. In questo quadro si inseriscono gli accordi in via di definizione con i patronati delle parti istitutive per la raccolta delle adesioni al Fondo Pensione ed il progetto, approvato oggi da parte del Consiglio di Amministrazione su proposta del nuovo Direttore Generale Ivonne Forno, che tocca un tema delicato per gli aderenti, soprattutto per quelli che si trovano in situazioni di particolari difficoltà economiche e che accedono a fonti di finanziamento comportanti vincoli sulle posizioni previdenziali presso il fondo pensione.

“Si tratta di un progetto ambizioso” spiega Forno “nato dall’idea, condivisa in prima battuta con Carlo Biasior, Direttore del Centro di Ricerca e Tutela dei Consumatori e Utenti di Trento, già estesa al CTCU di Bolzano e che vedrà a breve il coinvolgimento dei centri tutela consumatori delle parti istitutive del Fondo, di analizzare la portata del problema e trovare soluzioni normative – da veicolare nelle opportune sedi sia a livello nazionale che europeo – che permettano di mettere al riparo e rendere intangibili le posizioni previdenziali degli aderenti maturate presso i fondi pensione. La normativa di riferimento risale agli anni 50 e va superata. Anche questo è “fare l’interesse degli aderenti” e siamo ben felici di poter essere ancora una volta pionieri e portavoce a livello di tematiche, proposte ed istanze che riguardano l’intero sistema della previdenza complementare”.

Il Consiglio di Amministrazione ha fatto anche, come di consueto, un punto riguardo all’andamento della gestione finanziaria analizzando i dati a fine novembre. “Tutte le quattro Linee del Fondo realizzano rendimenti, sia in termini assoluti che in termini relativi rispetto al benchmark di riferimento, per i quali esprimiamo piena soddisfazione” commenta Forno. “Il mercato a dicembre ha corretto e sofferto in alcune giornate ma siamo fiduciosi rispetto ai dati di chiusura di fine anno”.

La Linea Garantita ottiene a novembre un rendimento netto da inizio anno dell’1,20% (0,76% quello del benchmark); la Linea Prudente Etica registra un rendimento del 6,08% (4,63% quello del parametro di riferimento); la Linea Bilanciata del 5,80% (5,38% quello del benchmark) ed infine la Linea Dinamica del 6,06%, in linea con il benchmark che registra un rendimento del 6,04%.

Il patrimonio complessivo del Fondo, sempre a fine novembre, supera i 2,2 miliardi di Euro.

In foto: CDA 2015

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *