Cultura & Società Ultime Notizie

“Vivere da perdonati per perdonare”: Ciclo d’incontri nell’Anno Santo della Misericordia

29 Ottobre 2015

author:

“Vivere da perdonati per perdonare”: Ciclo d’incontri nell’Anno Santo della Misericordia

Da novembre 2015 a marzo 2016 l’Ufficio Pastorale organizza degli incontri con diversi relatori che approfondono le sette opere di misericordia.

Questa serie d’interventi pensata dall’Ufficio Pastorale “vuole essere un incontrarsi insieme come Chiesa diocesana, che dopo l’esperienza del Sinodo diocesano desidera camminare insieme approfondendo aspetti della vita pastorale che oggi giorno ci interpellano”, spiega don Pierluigi Tosi, Direttore dell’Ufficio Pastorale.

Il primo incontro di questo ciclo d’incontri si terrà sabato 7 novembre dalle ore 9.30 alle ore 12.30 preso la Sala Conferenze del Centro Pastorale a Bolzano. Don Marcellino Brivio, cappellano carcere di Opera (MI), parlerà del tema “Visitare i carcerati”. I prossimi appuntamenti saranno (orario e luogo rimangono identici):

• Sabato, 12 dicembre 2015: “Vivere da perdonati per perdonare – nella prospettica del sacramento della penitenza” (don Gianni Cavagnoli, liturgista e parroco, Cremona)

• 16 gennaio 2016: “Dare da mangiare agli affamati, dare da bere agli assetati, vestire i nudi” (Matteo Gandini, Equipe Caritas Reggio Emilia)

• Sabato, 30 gennaio 2016: “Seppellire i morti” (Annamaria Marzi, responsabile Hospice Casa Madonna dell’Uliveto, Diocesi di Reggio Emilia, Rita Montanari Counsellor e Mirta Rocchi, infermiera)

• Sabato, 13 febbraio 2016: “Visitare gli infermi” (don Tullio Proserpio, cappellano ospedaliero CTO Milano)

• Sabato, 12 marzo: “Accogliere il forestiero” (don Roberto Tomaino, Ufficio Liturgico Lamezia Terme, terra di accoglienza profughi) “Questo itinerario vuole essere un segno concreto di ascolto, preghiera e impegno per camminare insieme verso il Signore, lasciandoci toccare dalla sua misericordia perché anche noi sappiamo a nostra volta essere misericordiosi”, sottolinea don Tosi.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *