Cultura e società Ultime Notizie

Merano, inaugurazione della mostra “Alois Kuperion – Dipingere è tutta la mia vita”

2 Ottobre 2015

author:

Merano, inaugurazione della mostra “Alois Kuperion – Dipingere è tutta la mia vita”

Inaugurazione: venerdì 9 Ottobre 2015, ore 18.30

A cura di Ursula Schnitzer

In occasione del 50mo anniversario della morte di Alois Kuperion (1891 – 1966), Merano Arte dedica un’ampia retrospettiva alla vita e all’opera dell’artista venostano. Un pittore del tutto singolare, che senza un particolare retroterra culturale e intellettuale, riuscì negli anni Cinquanta e nell’allora remota Val Venosta, a elaborare unapittura astratta di grande qualità, espressione di grande forza interiore e di tanta passione per l’arte.

Per l’occasione, l’Assessorato alla cultura del Comune di Merano ha curato una monografia completa, con inedite note biografiche, 120 illustrazioni a colori e numerosi ritratti fotografici d’epoca.

L’esposizione presenta 100 opere provenienti da collezioni private altoatesine. Qui, infatti, si trova la maggior parte della sua intera produzione, che consta di oltre 1500 lavori di piccole dimensioni, molti dei quali sono andati distrutti e altri sono stati acquistati da turisti.
L’allestimento cerca di rendere intellegibile la pulsione di Kuperion all’astrazione, le sue intuizioni formali e cromatiche sulla base di diversi gruppi di opere.

Alois Kuperion, trascorsa l’infanzia e la giovinezza in Val Venosta e in Austria, ritornò in Alto Adige nel secondo dopoguerra, dove visse a Castelbello, per eleggere infine Merano a sua città d’adozione.
Negli anni Cinquanta seppe sviluppare uno stile di pittura astratta del tutto singolare: spensierato, ma allo stesso tempo fatto di geniali intuizioni, oltre che di un senso speciale per la composizione e l’accostamento dei colori. Qualità che non hanno mancato di affascinare e influenzare molti artisti locali di ieri e di oggi.

Le mostra sarà visitabile a Merano Arte fino al 10 Gennaio 2016.

In foto: opera di Alois Kuperion, tecnica mista su carta, 1952

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *