Politica Ultime Notizie

Assunzioni McDonalds: ma Bolzano è in emergenza lavoro da anni!

29 Ottobre 2015

Autore:

Assunzioni McDonalds: ma Bolzano è in emergenza lavoro da anni!

Pubblichiamo la lettera al direttore di Anna Pitarelli di Bolzano.

Riguardo ai 900 giovani che si sono presentati per i 30 posti di lavoro da McDonalds, vorrei sottolineare che la città di Bolzano è in emergenza lavoro non solo da due settimane.
Tanti giovani sono in cerca di lavoro da anni e si propongono anche per posti di lavoro che non corrispondono alla loro qualificazione. La situazione lavorativa in Alto Adige è precaria, soprattutto a Bolzano. Ai giovani devono essere date delle prospettive affinchè essi possano poter pianificare la propria vita. Ne hanno diritto! Pertanto devono essere creati nuovi posti di lavoro e l’opportunità ad un posto di lavoro dovrebbe essere aperta a tutti/e. Bolzano deve diventare concorrenziale in qualità di centro favorevole allo svolgimento di attività imprenditoriali e offrire condizioni vantaggiose ad imprese medio-piccole e grandi. Purtroppo al momento Bolzano non offre abbastanza incentivi ad imprese per la creazione di posti di lavoro e offre scarsi incentivi ai giovani affinchè gli stessi possano offrire la propria qulalificazione sul mercato del lavoro. Il potenziale di risorse di giovani ben qualificati deve essere sfruttato e incentivato in modo migliore. Bolzano finora ha dormito: è tempo che si svegli!

Anna Pitarelli

2 Comments
  1. Rudi Rieder

    Cara sig.a Pittarelli, i posti di lavoro si creano sostenendo le piccole e medie imprese, il commercio locale e di vicinato, la rivitalizzazione dei quartieri, la riduzione delle tasse sul lavoro e non costruendo centri commerciali che invece vanno proprio a danneggiare queste categorie e portano a una perdita di posti di lavoro. Per ogni posto di lavoro creato nella grande distribuzione ne vanno persi 2 nelle piccole aziende. Per non parlare delle tasse che inziché restare sul territorio vanno a finire nei paradisi fiscali dove le multinazionali hanno le loro sedi fiscali. Bolzano non dorme ma sta cercando di tutelarsi dagli interessi speculativi che in altre regioni e paesi hanno gia depredato e distrutto il tessuto economico. Gli incentivi per aiutare i giovani a trovare lavoro, devono essere distribuiti principalmente alle aziende locali, piccole, sostenibili e radicate sul territorio. I fondi per fare questo ci sono, ma vengono spesi male, buttati in pasto alle grandi quanto inutili "grandi opere". E li che i futuri amministratori della cittá dovranno intervenire, una giusta ed equa distribuzione dei soldi pubblici a favore del bene comune e non di pochi imprenditori e costruttori.

  2. Egon

    Egregio Sig. Rieder, i suo discorso è un " copia incolla" che sento e leggo da molti anni. Ma sono sempre rimaste solo parole. Di concreto, lei, cosa fa, cosa ha fatto e sopratutto, cosa credersi poter fare, affinché si verifichi qui che si auspica?

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *