Cultura & Società Ultime Notizie

Giovedì 2 aprile, ore 20.45 – Rovereto, Teatro Zandonai L’ASSOCIAZIONE MOZART ITALIA propone un concerto dell’AKADEMISCHES ORCHESTER BERLIN

1 Aprile 2015

author:

Giovedì 2 aprile, ore 20.45 – Rovereto, Teatro Zandonai L’ASSOCIAZIONE MOZART ITALIA propone un concerto dell’AKADEMISCHES ORCHESTER BERLIN

Giovedì 2 aprile, ore 20.45Rovereto, Teatro Zandonai

L’ASSOCIAZIONE MOZART ITALIA propone un concerto dell’AKADEMISCHES ORCHESTER BERLIN

Direttore, Peter Aderhold

Violino solista, Suyeon Kang

Ottanta musicisti eseguiranno l’Ouverture del Don Giovanni KV 527 di Wolfgang Amadeus Mozart, il Concerto in re minore per violino e orchestra op. 47 di Jean Sibelius con il violino di Suyeon Kang e la Sinfonia No. 3 in Mi bemolle maggiore Eroica op.55 di Ludwig Van Beethoven.

L’ORCHESTRA ACCADEMICA DI BERLINO (AKADEMISCHES ORCHESTER BERLIN), fondata nel 1908, ha una nobile storia e tiene viva una grande tradizione: ha tenuto numerosi concerti alla Philharmonie di Berlino (almeno uno all’anno dal 1968 a oggi) e varie tournée all’estero (Giappone, Italia, Polonia, Provenza). Ama offrire ai giovani solisti importanti occasione di presentarsi a un grande pubblico e in sale prestigiose. Tanto che molti musicisti, oggi famosi, hanno iniziato con essa la loro carriera artistica sia come orchestrali (ad esempio il maestro Thielemann e vari membri dei Berliner Philharmoniker), sia come solisti. Il profilo musicale dell’orchestra è di alto livello grazie al lavoro appassionato di direttori professionisti; a cominciare, nel dopoguerra, dal rinomato Volker Wangenheim, al quale è succeduto prima Hans Hilsdorf e poi, nel 1999, Andreas Schüller fino al 2003, quando la direzione è stata affidata al compositore e maestro Peter Aderhold. Oltre al lavoro dei direttori, per la crescita dell’Akademisches Orchester è stato fondamentale il contributo professionale dei primi violini di spalla: prima Heinz Ortleb (già violinista dei Berliner Philharmoniker) e, successivamente, il suo ex collega Helmut Mebert.

PETER ADERHOLD, nato a Berlino nel 1966, ha debuttato come direttore d’orchestra al Festival DDR-Musiktage di Berlino nel 1990 con l’Orchestra Sinfonica di Berlino. Successivamente ha lavorato come maestro di cappella al Teatro Rostock, è stato direttore dei Vereinigten Bühnen Krefeld/Mönchengladbach, direttore principale dell’Orchestra giovanile di Stato di Mecklenburg-Vorpommern, direttore principale e vice direttore musicale generale allo Stadttheater Bremerhaven. Dopo il 2000, come compositore freelance e direttore d’orchestra a Berlino, con l’Ensemble Berliner Kammeroper è stato responsabile della direzione musicale di diverse produzioni (tra le altre In the Penal Colony di Philip Glass e Bremer Freiheit di Adriana Hölszky), come direttore ospite ha diretto la Staatskapelle di Berlino, la Philharmonie di Dresda, la Staatskapelle Schwerin, la Schweriner Philharmonie e la Philharmonie di Halle.
Dal 2003 direttore stabile dell’Akademisches Orchester Berlin, Aderhold è autore di opere sinfoniche e da camera: Ulisse e lo straniero per il Teatro dell’Opera di Zurigo (2001); Luther per l’apertura del Nuovo Teatro dell’Opera di Erfurt; Fanfare for Orchestra per le celebrazioni dei 100 anni di attività dell’Orchestra Accademica di Berlino (2008); Meditazione – Concerto per corno delle Alpi e orchestra per l’Akademisches Orchester Berlin (2011); Concerto per un giocatore con due sax e orchestra composto per Branford Marsalis e premiato nel 2012 a Francoforte sul Meno da Frankfurter Opern- und Museumsorchester.
SUYEON KANG, violinista coreano-australiana, è nata nel 1989. Ha vinto numerosi concorsi internazionali e si è esibita come solista con Bayerischen Rundfunk Orchester, Norwegian Radio Orchestra, Teatro Colon Symphony Orchestra (Argentina) e con molte orchestra australiane (Melbourne Symphony, Tasmanian Symphony, Queensland Orchester, Orchestra Victoria). Prima di trasferirsi in Germania per perfezionarsi, a 16 anni era stata nominata Giovane artista australiana. In ensemble cameristici ha tenuto concerti in tutta Europa.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *