Cultura & Società Ultime Notizie

AL MART LA SHOAH DELL’ARTE – 27 GENNAIO 2015

23 Gennaio 2015

author:

AL MART LA SHOAH DELL’ARTE – 27 GENNAIO 2015

Il Mart di Rovereto aderisce a “La Shoah dell’arte”

il progetto che coinvolge i luoghi dell’arte: musei, gallerie, teatri, in occasione della Giornata della memoria

All’interno del percorso della grande mostra  “La guerra che verrà non è la prima”, tra oltre 800 opere, è presente la celebre installazione Autel Lycée Chases, 1989 di Christian Boltanski (Parigi, 6 settembre 1944), uno dei maggiori artisti contemporanei.

L’opera è stata scelta dal Mart per “non dimenticare”: martedì 27 gennaio, Giornata della memoria, il pubblico che visiterà la mostra avrà a disposizione un mediatore del Museo per “raccontare” l’opera e per far conoscere il lavoro del grande maestro francese che ha dedicato gran parte del suo lavoro al tema della Shoah.

L’ installazione, in deposito al Mart, rappresenta uno tra i più significativi “Autels” (Altari) e fa parte di “Monuments”, una serie molto complessa di sculture composte che l’artista ha iniziato a realizzare nel 1985; in cui utilizza e manipola immagini del passato.

Anche gli altari possono essere considerati monumenti, da cui prendono a prestito la composizione e la forma piramidale, ma si contraddistinguono per la loro dimensione più intima e sacra. L’opera conservata dal Mart fa parte della serie Autel Lycée Chases  e presenta otto fotografie in bianco e nero di giovani adolescenti ebrei, studenti del liceo di Vienna nel 1931.

Le immagini sembrano affiorare da un passato remoto, i volti sono congelati in uno scatto impreciso e sfocato. Sono facce quasi scheletrite, i tratti si percepiscono appena, mentre la bocca e soprattutto gli occhi sono avvolti dall’oscurità: l’effetto è quello di una radiografia. Ogni fotografia è illuminata dalla debole luce delle lampadine che rendono l’atmosfera sospesa tra la vita e la morte. Sono volti che sembrano riemergere da un album familiare o scolastico, frammenti di una memoria che ci riporta nella Vienna precedente alla salita al potere di Adolf Hitler.

L’installazione diventa così un luogo di culto, di preghiera, ma è anche un omaggio, un atto per non dimenticare le vittime innocenti dei campi di concentramento. Non appaiono dati precisi sui singoli studenti, né ci sono riferimenti diretti all’Olocausto e alle sofferenze che i protagonisti subiranno negli anni a venire. L’installazione, con la disposizione delle “icone” circondate dai cavi, dalle lampadine e dal “piedistallo” di alluminio, fatto da scatole per biscotti trasformate in scatole della memoria, funziona come una vera e propria opera del tempo presente.

Christian Boltanski nasce a Parigi il 6 settembre 1944. Il padre, di origine ucraina, appartiene alla comunità ebraica. Docente presso la Scuola Nazionale Superiore di Belle Arti di Parigi, è noto internazionalmente per le sue installazioni artistiche, spesso dedicate al tema della memoria e della perdita. Rappresenta la Francia alla Biennale di Venezia del 2011.

LA SHOAH DELL’ARTE

27 gennaio 2015 – Giorno della Memoria

un progetto ECAD di Vittorio Pavoncello

Chiara Tomassi responsabile ECAD per le ricerche museologiche

Istituzioni aderenti

Basilicata: Museo Nazionale di arte medievale e moderna della Basilicata

Pinacoteca Provinciale di Potenza

Calabria:  MACA – Museo Civico d’Arte Contemporanea Silvio Vigliaturo di Acri

Campania: MdAO – Museo d’Arte, Avellino

MUDIM – Museo Didattico Multimediale, Napoli

Emilia-Romagna: MAMbo – Museo d’Arte Moderna, Bologna

Galleria Civica di Modena

Friuli Venezia Giulia: Museo “Gerusalemme sull’Isonzo” presso la sinagoga di Gorizia

Civico Museo Revoltella – Galleria d’Arte Moderna di Trieste
LazioGNAM – Galleria Nazionale di Arte Moderna                Fondazione Carlo Levi, Roma

Museo Boncompagni Ludovisi, Roma

Museo  della Scuola Romana a Villa Torlonia, Roma

Liguria: Galleria d’Arte Moderna, Genova

Lombardia: Fondazione Guido Ludovico Luzzatto/ Palazzo Morando  Costume Moda Immagine, Milano

Gallerie d’Italia – Piazza Scala, Milano

Piemonte: Fondazione Palazzo Mazzetti, Asti

GAM- Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea, Torino

Museo Ebraico di Casale Monferrato

Sardegna: Museo Nivola, Orani

Sicilia: GAM Galleria d’Arte Moderna, Palermo

Museo regionale d’arte moderna e contemporanea (RISO), Palermo

Toscana: Museo di arte contemporanea e del Novecento di Monsummano Terme

Museo Novecento, Firenze

Museo Civico – Il Cassero per la Scultura, Montevarchi (AR)

Casa ‘Rodolfo Siviero’, Firenze

Museo di Palazzo Pretorio, Prato

Trentino-Alto Adige: Mart, museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto

Veneto: Collezione Peggy Guggenheim, Venezia

In foto: Christian Boltanski – Autel Lycée Chases 1989

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *