Cronaca Ultime Notizie

IL TAR RESPINGE IL RICORSO DEL COMITATO PROALTVOR

28 Febbraio 2014

author:

IL TAR RESPINGE IL RICORSO DEL COMITATO PROALTVOR

Il parere della Commissione per il referendum è stato corretto: Il quesito deve essere formulato in modo chiaro ed inequivocabile

 

Il Tribunale di Giustizia amministrativa ha respinto il ricorso del comitato ProAltVor confermando il parere della commissione comunale per il referendum la quale aveva dichiarato inammissibile il quesito presentato dal comitato stesso la scorsa primavera (“Lei è a favore della realizzazione di un collegamento funiviario tra Bressanone e S.Andrea con sorvolo della conca di Bressanone? SI – NO”).  La Commissione aveva motivato l’inammissibilità del quesito referendario “per mancanza di chiarezza e inequivocità della formulazione”, precisando che la chiarezza e inequivocità sono necessarie per garantire all’elettorato la più ampia comprensione dell’oggetto della consultazione, con esclusione di ogni ambiguità. Il referendum deve, infatti, garantire che l’elettore sia consapevole della scelta proposta, in modo da dare al Comune un quesito “semplice, chiaro e inequivocabile” che risulti idoneo a raggiungere lo scopo del referendum, ossia quello di determinare l’azione amministrativa del Comune. Nel giudizio si legge che tale prospettazione ha pregio, in quanto “certamente il quesito come proposto dal Comitato è, quanto mai vago, privo di quella necessaria chiarezza imposta dallo stato comunale, in quanto, indipendentemente dall’esito del referendum, non garantirebbe all’elettore che la sua volontà viene interpretata correttamente dal Comune, in modo da consentire a questo il prosieguo dell’iter amministrativo”. Del resto, prosegue il TAR nella sua motivazione, “come osservato dalla Commissione, anche la collocazione della stazione di partenza della funivia nella zona sportiva di Millan, sostenuta dal comitato Proalt – Altvor, trovandosi a valle rispetto alla Plose, comporta un sorvolo della conca, poiché questa, in quanto tale, si può considerare estesa anche su parte del pendio della conca di Bressanone”. Il ricorso risulta quindi infondato e viene respinto.

„E‘ bene che il TAR si sia espresso con chiarezza sulla questione“, commenta il Sindaco Albert Pürgstaller. „La realizzazione della funivia ha senso solo se parte dalla stazione, come è stato confermato anche recentemente dal nuovo Assessore alla Mobilità Florian Mussner”. La Provincia, infatti, è tutt’ora convinta del progetto di valorizzazione della stazione ferroviaria con integrazione della stazione di partenza di una funivia tra Bressanone e San Andrea. “E’ peccato che il consiglio comunale, un anno fa, abbia perso l’occasione di dare il via libera ad un referendum con un quesito chiaro ed inequivocabile”, dice il Sindaco che insieme ai capigruppo in consiglio comunale valuterà se sarà possibile ripresentare tale quesito. Ogni altra iniziativa o quesito farebbe slittare la votazione alla fine del 2015 o inizio 2016 – per via della sospensione dei termini prima e dopo le elezioni europee e comunali. L’alternativa, conclude il Sindaco, è che la decisione verrà presa a livello politico.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *