Cronaca

LETTERA AL DIRETTORE

1 Luglio 2013

author:

LETTERA AL DIRETTORE

chiesa

Tutela della domenica e dei giorni festivi
O stiamo tutti morendo di fame?

LETTERA AL DIRETTORE
Spero tanto che la nostra domenica possa rimanere libera e che anche in Italia i negozi restino chiusi la domenica e nei giorni festivi. La domenica e i giorni festivi fanno parte del patrimonio culturale mondiale. Un tempo la domenica aveva molta importanza e veniva rispettata. Anche solo per motivi religiosi si cercava di evitare tutto quello che recava disturbo o provocava rumore e si riusciva in tale intento. Oggi, invece, quello che era un giorno di riposo ormai da secoli nella nostra società è davvero in serio pericolo. L’uomo, però, non è una macchina! Proprio la domenica come giorno festivo per tutti è un segno che l’uomo è più di una forza lavoro e di un consumatore.
Nella nostra società la domenica è il giorno libero per tutti che si ripete abitualmente, un giorno dedicato all’ozio e al riposo, il giorno degli incontri, della famiglia, della comunità, un giorno di riflessione e una dovuta pausa dalla settimana lavorativa, il giorno del Signore, dell’eucarestia e della festa, un giorno dedicato agli interessi che vanno oltre il lavoro e il consumo. Proprio per questo l’interruzione della settimana lavorativa è urgente, irrinunciabile e più importante che mai!
Il settimo giorno della settimana, nel quale i lavoratori si riposano, si permettono una pausa anche da un punto di vista religioso, rischia di venire cancellato totalmente dall’economia. Una società che si piega al mercato rischia di andare in frantumi nel tempo e portare con sé tutto il resto! Se la domenica come giorno di riposo, della famiglia, del riunirsi, della fede viene meno, si perde anche un pezzo di umanità e il senso della nostra esistenza. L’uomo non vive solo per lavorare, ma lavora per vivere. Sei giorni a settimana dovrebbero bastare. Ne è una prova il fatto che non tutto quello che produciamo e poi compriamo e in gran parte gettiamo via è necessario a ottenere il benessere. Anche il numero degli incidenti sul lavoro la domenica è notevolmente aumentato. Molti lavoratori sono esausti e in crisi. La sindrome di burn-out ne è una conseguenza! Il benessere non è l’avere sempre di più, ma, al di là della materialità, è il tempo che si ha a disposizione per gli altri, la cura dei propri interessi e desideri. Se buttiamo via questa importante “isola” che è la domenica, misuriamo il valore della nostra società soltanto in base ai profitti, invece delle relazioni sociali che ci rendono forti nell’animo e ci fanno continuare a vivere. La domenica libera per tutti è fondamentale e rinunciarci provocherebbe gravi danni! La domenica e i giorni festivi devono restare distinti dai restanti giorni della settimana! Dovremmo imparare tutti a rispettarli e apprezzarli e fare di tutto per salvarli e mantenerne il loro valore.
Siamo tutti convinti che lavorare 6 giorni a settimana sia sufficiente per potere fare acquisti. In Germania, Svizzera e Austria i negozi e le catene commerciali hanno giorni di chiusura uguali che valgono tutto l’anno e anche nell’Avvento e tutte le domeniche e i giorni festivi restano chiusi e ci sono abbastanza turisti a riempire le aree pedonali! Qui in Italia non sarebbe possibile fare lo stesso?
O stiamo già morendo tutti di fame?

Paul Berger – Bolzano

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *